assistenza anziani lecco

Come affrontare la solitudine degli anziani

LA SOLITUDINE NEGLI ANZIANI: COS’É E COME CURARLA

AES Domicilio nell’offrire, tra gli altri, servizi per malati di alzheimer a Lecco si pone degli obiettivi ben precisi: la professione delle badanti é volta non solo al sostegno fisico e psicologico degli anziani che necessitano di un appoggio costante, ma per evitare che la loro esistenza si atrofizzi e ci si abitui all’idea dell’anziano solo.

Frasi sulla solitudine

Per questo riportiamo ancora le parole di Giovanni Pozzi in Tacet specificatamente dedicato alla solitudine:

“Ogni proposito di vita solitaria si scontra col paradosso che, se cercata, la solitudine é inafferrabile; se si afferra é insopportabile. L’uomo é un solitario non solo. Il paradosso avvolge l’esteriorità del suo comportamento, ma si radica dentro la sua stessa essenza. Nasce per divisione, ma di per se tende all’uno. Senza equivalenti nel creato, é un’entità fatalmente duale, maschile e femminile, corporeo e spirituale, io e tu. Ma la contraddizione non riguarda solo la specie. Travagliato da un’alterità di cui non può fare a meno, l’individuo umano è tuttavia un unicum in quanto persona. Predestinato essere sociale, chiamato alla comunione, come soggetto rimane unico al mondo. Tutto può essere spartito fra gli esseri esistenti, fuorché l’esistere. In assoluto, solitudine è il raggiungimento di questo traguardo: vivere dopo aver spartito tutto quello che si può spartire, staccare da se ogni elemento che non sia il se stesso come soggetto: la propria umanità allo stato puro, cancellata ogni parvenza di altro.A questo punto però il soggetto é tentato di rivolgersi a se medesimo e allora, ripiegandosi su di se, si muta in oggetto e con ciò si riduce alla condizione di Narciso.”

 

Siamo qui per superare questa divisione, per spartire con voi le nostre passioni e rendere migliori le vostre vite.