Lecco: badante svuota il portafoglio della nonna

Sono sempre più frequenti a Lecco gli episodi di persone anziane che vengono derubate.

Approfittava dei momenti di distrazione per sfilarle il portafoglio dove conservava la carta bancomat insieme al codice pin. Poi andava allo sportello della banca e prelevava i soldi a sua insaputa. L’avrebbe fatto concentrando le operazioni nell’arco di una ventina di giorni, fino a drenare dal conto corrente poco meno di diecimila euro.

Protagonista della storia una badante convivente che ha tradito la fiducia dell’anziana padrona di casa finché non è stata scoperta e denunciata.

L’entità dei soldi prelevati in un tempo relativamente molto breve ha infatti suscitato più di un sospetto tra gli operatori bancari, che hanno contattato la cliente per segnalarle che dalla sua carta bancomat si stavano verificando una serie di prelevamenti anomali. Per questo motivo l’anziana, che vive da sola, si è subito allarmata e ha chiesto aiuto a uno dei suoi nipoti per passare ai raggi X gli estratti conto in cerca di una risposta.

È bastato veramente poco per fare l’amara scoperta: migliaia di euro svaniti nel nulla in un paio di settimane. A quel punto l’anziana ha capito di essere stata derubata e ha deciso di presentarsi dai carabinieri per sporgere formale denuncia. Le indagini sono partite immediatamente, che hanno cominciato a raccogliere tutta una serie di informazioni e indicazioni rispetto agli spostamenti della signora e alle persone che potevano avere accesso alla sua abitazione.

Parecchie ore di filmati che hanno richiesto uno sforzo ripagato dalla risoluzione del caso. Una volta messe insieme le informazioni e tutta la serie di riscontri raccolti, i militari  hanno programmato di effettuare un blitz che è scattato mercoledì mattina, anche nella speranza di recuperare almeno parte del bottino, cioè dei risparmi dell’anziana.

Durante l’operazione i carabinieri hanno potuto confermare le loro ipotesi investigative recuperando 8.800 euro in contanti, 800 in meno rispetto a quelli che sono spariti dal conto corrente dell’anziana. Oltre ai soldi, però, i militari hanno rinvenuto anche qualcos’altro. La badante ad ore 31enne, infatti, avrebbe portato via da casa dell’anziana anche una serie di oggetti preziosi: una collana con una croce e alcuni anelli d’oro. Uno di quest’ultimi, tra l’altro, è di particolare valore perché ha un diamante incastonato in testa. A quel punto i carabinieri hanno potuto restituire il maltolto all’anziana restituendole anche il sorriso. Per la giovane badante, invece, è arrivata una denuncia per furto aggravato.

Se cerchi una badante, affidati ad AES Domicilio, agenzia di selezione badante in 24 ore. Disponiamo di tariffe badanti estremamente competitive e siamo attivi su tutta la Lombardia, in particolare nelle province di Milano se cerchi Badanti a Milano, Badante Monza, Badante Como, Badante Lecco.