morte anziano lecco badante

Gli Anziani di Lecco e la Morte

Gli Anziani di Lecco e la Morte

Il nostro rapporto con la morte, come possiamo immaginare, è differente per ciascuno di noi: ognuno, infatti, la vive a proprio modo e con i propri strumenti e risorse. Sarà per questo che c’è chi ha paura di morire e chi, invece, non nutre alcun timore di fronte alla consapevolezza di dover lasciare questa vita terrena.

Quando si parla della vita è inevitabile finire a parlare anche della paura della morte: uno di quegli argomenti che interessa tutti noi e che ci ritroviamo ad affrontare direttamente, o indirettamente, in diversi momenti della nostra esistenza.

Quando si raggiunge una certa età, inevitabilmente si assume sempre più la consapevolezza che non si è immortali e proprio questo può poter far tanta paura.

Pensare che la propria vita stia per finire e che non si possa più avere tempo per vivere può poter far tanto male e portare angoscia e timori; eppure, in molti anziani, questa paura sembra essere assente o meglio alcuni anziani non temono di morire.

Parliamo di anziani che sono, per esempio, depressi o che presentano dei disturbi, o ancora anziani soli che vedono nella morte solo una via d’uscita. In questo senso è quasi vista come la fine di un dolore o di una situazione dolorosa: pensate che da alcuni studi si è evinto che sono diversi gli anziani che pensano di ricorrere al suicidio e questa probabilità sembra aumentare soprattutto dopo i 65 anni, specialmente per quelli che si sentono soli e che non hanno contatti sociali.

Alcuni anziani di Lecco, invece, riescono ad accettare l’idea della morte con una certa serenità; in un certo senso riescono a non negare questo evento. Secondo alcuni studi, questa serenità è da associare a quegli individui che hanno una certa stabilità psicologica e sociale e che vivono in un contesto sano, fatto di amore e comprensione.

Altri anziani invece hanno paura della morte e questa può essere collegata ad altre paure: quella di soffrire fisicamente, di creare angoscia a chi rimane, di non essere riusciti a fare tutto quello che si desiderava.

Insomma, vogliono rimanere per evitare di soffrire o per vivere ancora con i propri familiari e godere di tutto quello che la vita è in grado ancora di dare.

Per leggere altri approfondimenti sul mondo delle badanti, oppure se vuoi scoprire come mettere in regola la tua badante e quali sono tutti i passaggi burocratici da rispettare, contattaci! Con Aes Domicilio siamo attivi in tutta Italia ed in particolare nelle province di Milano (badante Milano) se cerchi Badanti a Milano, Badante Monza, Badante Como, Badante Lecco e Badante Roma.

Secondo lo studioso Erikson, nella fase della vecchiaia, gli individui hanno quasi il compito di cercare di dare un senso alla loro vita e la disperazione sembra far parte di questo processo in cui si tende a fare riferimento anche a tutto ciò che si è perduto nell’arco della propria vita. In un certo senso, la paura della morte è una parte dominante di questa fase così come le emozioni associatevi.

Tra queste paure abbiamo rabbia, tristezza e, spesso, anche un senso di impotenza soprattutto se si hanno accanto familiari che non ci aiutano a gestire questa paura o comunque non ci fanno sentire compresi in una fase così delicata.

Spesso dietro alla paura della morte c’è anche la paura dell’ignoto, di quello che ci sarà dopo o non ci sarà più dopo e la consapevolezza che non si potrà godere più dell’amore dei propri affetti.

Un anziano può poter temere di morire per diverse ragioni ma allo stesso tempo può arrivare ad accettare questa fase della vita che può essere considerata come la fine di un dolore o come una fase naturale che prima o poi arriva per tutti e che viene accettata con serenità.